Arte inganna occhio

Annunci

La mente continua a creare

  • Ho nuove creazioni da mostrarvi carissimi amici, siete caldi? preparatevi spiritualmente, rilassatevi, svuotate la mente…e che l’energia positiva delle mie piccole opere vi sommerga. Che l’arte sia con voi.

            Le calamite da mettere sul frigo per i bigliettini promemoria. Argilla.

               Il musetto di un folletto. Pasta di mais.

  •        Abbiamo svegliato lo gnomo che dormiva nel cesto di fiori. Argilla.

             Betta la folletta. Pasta sintetica.

              Una casetta per loro. Piccole pietre di spiaggia.

             Vi ho donato un pò di estro? create…create…le streghe………..

  • …….alla prossima puntata. Ciao a tutti. La Mente.        

Altra visita a casa di Alda

  • Fantastica! questa donna è semplicemente fantastica. Sono tornata nella sua casa accogliente e particolare, in ogni angolo fà capolino la sua personalità, il suo carattere esuberante, la creatività è ovunque, anche nei dettagli meno significativi, tutto diventa caratteristico quando è toccato da un artista, si perchè Alda, secondo me, è un’artista.
  • Vi mostro qualche altro scatto che gentilmente mi ha permesso di fare:
  • Altre tende, ottenute da centrini, tovaglie e drappi vari

 

 

 

 

Queste le ha riadattate perchè precedentemente erano ad altre finestre di altre misure. Perchè impazzire a tagliare e ricucire?

 

 

Il lampadario

 

 

Le sedie

 

 

 

I cuscini

 

Il tavolino

 

con il piatto dipinto

 

Le maschere, qualcuna ha lo scopo di coprire delle appliques che non le piacciono particolarmente.

 

 

 

 

Il mobiletto portachiavi che lei ha trasformato in armadietto da bagno

 

 

Altri particolari del bagno

 

 

 

 

 

 

Il portatelecomandi

 

Il portacuffie

 

I quadri di casa

 

 

 

 

 

 

 

Il suo puntocroce

 

Ed ora…..amici….vi presento Alda!

Eccola! è lei l’artefice di tutto questo.

 

Posterò prossimamente altre foto, per ora assaporatevi un nuovo modo di arredare, questi scatti secondo me aprono la mente, e ci mostrano come, anche uscendo dai soliti canoni, si può fare qualcosa di bello.

Grazie Alda, non fermarti, alla prossima.

2 ottobre festa dei nonni

  • Si è vero, è una festa giovane. Non siamo abituati a festeggiare i nonni. Se ne dimenticano tutti. Il consumismo se ne frega della festa dei nonni, e questo è un bene, ma è anche triste immaginare che probabilmente a S. Valentino gli innamorati spendono di più per farsi reciproci regali, mentre nessuno o quasi, spenderebbe per fare il regalo al nonno.
  • Figura vecchia e stantìa, la vita scorre veloce e non c’è tempo per parlare dei nonni, dei loro problemi, dei loro piaceri, dei loro sogni, dei loro bisogni. Se ne frega lo Stato, il nonno a casa sua! con quel minimo di pensione pensi a se stesso, se poi vuole ci sono le case d’accoglienza, ma dovranno imparare a rubare saltellando sul loro bastone per poter accedervi.
  • Ma una ricchezza inestimabile i nonni ce l’hanno. I nipoti.
  • Una ricchezza fatta d’amore incondizionato, di sorrisi di primo mattino, di abbracci sinceri, di rifugio quando hanno paura, di ascolti assetati di voglia di sapere.
  • I nonni sanno sempre cosa fare con i nipotini, perchè hanno il tempo di ascoltarli, di capire cosa li turba e cosa li fa felici, giorno per giorno, anno per anno, ed è così che si crea un rapporto vincolante e al contempo piacevole, è una cosa strana, ci si capisce, si desidera la reciproca compagnia, e anche se piccini, i nipoti sanno, sentono che tutto ciò fa loro bene.

     

 

 

             Disse il nonno al nipotino

                  tu tesor sei il mio destino

                  quante volte ho pianto in vita!

                                                              quanto ancor dovrò patir?

                                                               ma se tutto questo infine

                                                               e ancor duro come crine

                                                               sarà valso a me goderti

                                                               ancor venga pur d’averti.

                                                                                                        La Mente 

 

                        Auguri a tutti i nonni e le nonne del pianeta

Arteggiando la mente si rilassa

  • Posto altre mie piccole opere, spero vi piacciano.

 

 

 

 

 

 

 

Il bosco di casa mia comincia ad essere ben popolato, ogniuno ha il suo carattere, c’è quello sempre imbronciato, quello simpatico, il laborioso, il giocherellone. In ogni caso riescono ad attanagliare l’attenzione dei miei ospiti più di quanto non riesca a fare il mio caffè. Bè… non soffrirò mai di solitudine, questo è certo. Arrivederci miei visitatori, lieta che siate passati, a presto con altri manufatti. La Mente.

 

Arte e ancora arte

  • Questo va al di la dell’immaginazione, della fantasia, della manualità. Va oltre.
  • Festival del ghiaccio
  • Siete daccordo? a me sembra una roba pazzesca!
  • Ringrazio Giampiero per questo fantastico documento che era assolutamente da condividere.

 

E la mente ci riprova

 

 

 

 

 

 

Che dite! ci sono riuscita? non male vero? alla prossima miei cari ospiti e grazie per la visita e…. per l’apprezzamento!

incontro bambole e folletti

La mente sempre attiva

  •                    E lavora…, pensa…, crea.

 

MOAC

  •                   Sono andato al MOAC. Per chi non lo sapesse il MOAC è uno dei piu importanti eventi italiani dedicati all’arte e all’artigianato. Si svolge in quel di Sanremo e vanta il bel numero di 200.000 visitatori che per qualche giorno dimenticano le spiagge, le traversate in motoscafo, le arrampicate in montagna e le gite turistiche, per aggirarsi con fare placido e espressioni di meraviglia, tra gli stands addobbati a festa che espongono ogni sorta di specialità culinarie, manufatti pregiati, e opere d’arte davvero ammirevoli.
  • Per tutto il pomeriggio ho svolazzato qua e la curioso. 
  • C’erano oggetti splendidi, di ogni forma e di ogni colore, per un po ho pensato di essere entrato in una nuova dimensione, per lo piu ancora sconosciuta. Eh! si perchè non mi pare che voi umani vi diate un gran daffare per divulgare tali geniali attività. Le persone che vi si dedicano, mettono tutto il loro sapere, il loro bagaglio di esperienza, la loro energia, la loro anima in ogni pezzo. Un lavoro fatto a mano ha un valore particolare anche quando si tratta di piccole cose. E’ raro, a volte unico, e quando il suo creatore non ci sarà piu, quel pezzo vallo a cercare uguale, camminerai oltre le valli, i mari e le montagne e tornerai a mani vuote.  L’Italia in particolare è un paese d’artisti, c’è gente in questa terra che fa cose meravigliose! ma perchè allora le vostre case sono piene di oggetti fatti in serie, di plastica o altre leghe strane? e perchè, spiegatemi, la signora Camilla, che  malgrado le mani ormai nodose e gli occhi che fanno fatica a vedere, riesce ancora a fare stupendi maglioni ai ferri che le permettono di arrotondare la pensione, ma le pagano una strunzata, quando un maglione comprato in un qualsiasi negozio costa una fucilata e magari non è manco de lana? c’è qualcosa che non va nel vostro sistema raga, qui s’è scombinato tutto! non si capisce piu quali sono le priorità, le cose di cui tener conto, i valori piu importanti! Fransè, dall’alto dei suoi 82 anni, molti dei quali trascorsi a scolpire il legno, dando vita ad oggetti di una bellezza rara, crocifissi, portafrutta, tavolini, statue e via dicendo, oggi mi diceva che riesce a malapena a tirar su i soldi pari alle spese, e che per riuscire a movimentare la vendita è obbligato a fare cucchiai e portachiavi, cosi almeno quelli a 3 euro l’uno riesce a farli andare. Va bè….adesso smetto di raccontarvi perchè mi sto arrabbiando…. porca scarpa slacciata di mio nonno! Comunque non mollate artisti celati, presto o tardi il velo cadrà. Buona sorte . Archelfo 

  

 

« Older entries